Sistemi Membrana-Mimetici

il mio laboratorio

il mio laboratorio

Aprile 2017

Aprile 2017

domenica 13 settembre 2015

Sistemi Membrana-Mimetici


Proverò ad affrontare l' argomento con parole semplici per non entrare troppo nel particolare, perchè l'argomento è complesso per tutti noi spignattatori.



I LIPOSOMI
(lipos=grasso, soma=corpo)


Tra i sistemi membrana-mimetici più utilizzati in cosmesi ci sono i liposomi, fitosomi, nanosomi, le micelle, le microsfere. Sono tutti elementi in grado di svolgere un'azione prolungata e incisiva.
I liposomi sono microscopiche strutture molecolari di forma sferica, costituite da fosfolipidi, sono un sistema di membrana mimetica a rilascio controllato. Le microsfere sono composte da una doppia membrana esterna lipidica e all'interno contengono una fase acquosa, grazie alla loro costituzione sono molecole anfipatiche ossia hanno una coda idrofoba e una testa idrofila

Si suddividono in:
- monolamellari di forma sferica con una doppia membrana lipidica dal contenuto idrofilo
- unilamellari con un diametro maggiore
- plurilamellari hanno una struttura a buccia di cipolla, costituiti da strati concentrici con doppia membrana lipidica separata da fasi acquose

I vantaggi riconosciuti dai liposomi in campo cosmetico sono dovuti ad alcuni risultati ottenuti per i loro componenti principali

- un'alta biocompatibilità che non provoca effetti indesiderati (allergie, tossicità)
- i loro contenuti veicolano sostanze idrofile e lipofile
- le sostanze veicolate sono protette evitando incompatibilità, alterazioni di pH, per questo possono contenere sostanze delicate e labili
- l'idratazione è prolungata e accentuata

Lo svantaggio sta negli alti costi della loro produzione e non sempre si conoscono le dimensioni e la stabilità dei principi attivi contenuti, per questo alcuni liposomi sono sensibili nelle formulazioni con alcuni tensioattivi che ne modificano le caratteristiche creando una rottura del sistema liposomiale liberando i principi attivi, per questo motivo gli studi si sono poi diretti verso i "niosomi" in cui la membrana fosfolipidica è costituita da lipidi amfifilici non ionici di sintesi che garantirebbero più stabilità e meno tossicità



I NANOSOMI

Sono un sistema che veicola i principi attivi liposolubili, questa tecnica si chiama nanoemulsione, il concetto è quello di imitare un sistema esistente nel nostro organismo, in confronto ai liposomi sono di una grandezza superiore è maggiore la quantità di principi attivi liposolubili e sembra sia un sistema maggiormente stabile, possono trasportare sostanze più facilmente degradabili come ad es la Vit.A proteggendola durante il percorso fino a liberarla nel momento della sua attività




I FITOSOMI

E' più o meno lo stesso sitema dei liposomi ma si utilizzano i sistemi vegetali veicolando una maggiore concentrazione di flavonoidi, saponine ecc permettendo una più alta e prolungata diffusione con una migliore tollerabilità. Le prime sostanze vegetali nei sistemi fitosomiali sono stati Ginko biloba, i flavonoidi della silimarina, l'escina, l'acido glicirretico.
Alcune molecole sono rese anche più disponibili in acqua e alcune caratteristiche negative legate ad alterazioni dell'equilibrio delle membrane, perderebbero l'aspetto incompatibile e negativo rendendo il trattamento meno irritante

Per definire con semplicità questi sistemi,:
- le caratteristiche che li distinguono sono protezione delle sostanze incapsulate
- il trasferimento controllato nel tempo dei principi attivi contenuti, 

(Le ricerche sono sempre in continua innovazione).


Queste "microsfere" in formulazione dovranno essere aggiunte e trattate con cura e delicatezza per evitarne la rottura, quindi non vanno mai frullate o "aggredite" ma mescolate con delicatezza a fine emulsione.

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire nei commenti link altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.