STRUTTURA DELLA PELLE - 2


Tutti gli articoli di questo blog, specialmente riguardo le formule cosmetiche, vanno sempre valutati con attenzione. Alcune definizioni, affermazioni e considerazioni, vanno sempre prese con le pinze. Le ricerche sulle sostanze cosmetiche possono prendere risvolti diversi. Per cui, informatevi e chiedete sempre quando leggete qualcosa che non vi convince


Ciao e grazie

Cerca nel blog

domenica 23 aprile 2017

STRUTTURA DELLA PELLE - 2


Check Up Cutaneo (dermocosmetologia)

Il check up cutaneo è uno strumento di ascolto e di informazione che attraverso l'analisi della pelle ne individua la tipicità e le esigenze secondo il tipo di pelle, consente i trattamenti più indicati, considerando che la cute varia notevolmente nel corso dell'esistenza, secondo l'età, le abitudini e problematiche fisiologiche-patologiche.


STRUTTURA DELLA PELLE - 2
La pelle presenta delle caratteristiche in base a vari fattori che possono essere di origine ormonale, ambientale o psicologico, ma da sempre il nostro interesse è rivolto a mantenere e migliorare la nostra pelle con l’avanzare dell’età, ed è proprio questo il compito della cosmesi. La struttura della cute varia secondo l’età e il sesso; la pelle degli adulti è diversa da quella dei bambini, in quanto il sebo si produce solo dopo la pubertà ed è costituita solo da lipidi epidermici. In alcune zone del nostro corpo la pelle è più delicata e sottile di altre e la sua funzione è quella di proteggere gli organi interni.

E’ costituita da 3 tessuti

L’EPIDERMIDE funge da barriera impedendo la penetrazione di microrganismi, la perdita di acqua e di elettroliti. Il suo componente principale è la cheratina, la sua parte esterna è lo strato corneo formato da cellule morte che si rinnovano circa ogni 30 giorni
Il DERMA è situato sotto l’epidermide ed è caratterizzato dall’elastina che rende appunto, più elastica la cute, da fibre del collagene che danno sostegno e resistenza. Il derma è ricco di vasi sanguigni e linfatici ed ha la funzione di nutrizione. Qui passano tutte le ghiandole e i diversi annessi cutanei
L’ IPODERMA questo è lo strato più profondo, per la sua tipologia cellulare funge da cuscinetto, da riserva energetica e da isolante termico

Sentiamo spesso parlare di “idratazione” perchè una cute disidratata perde elasticità ed è soggetta a processi infiammatori in quanto favorisce la penetrazione di sostanze estranee, si possono manifestare rossore, prurito, secchezza, couperose. Un prodotto cosmetico può aiutare per ristabilire la giusta quantità di acqua, l’idratazione naturale della pelle è il risultato di diversi meccanismi biologici con funzioni specifiche, che hanno luogo a livello di derma, epidermide e strato corneo.Il film idrolipidico è costituito da un fattore di idratazione naturale che oltre alla componente idrofila è sopratutto formata da sebo e lipidi epidermici che sono componenti dell’epidermide e svolgono una funzione protettiva. Questo film mantiene idratato lo strato corneo e regola l’evaporazione dell’acqua dalla cute.

Un cosmetico è tutto quello che usiamo per il benessere del nostro corpo, dal dentifricio alla saponetta, dalla crema al dopobarba, dallo shampoo al bagno schiuma, dal makeup ai detergenti ecc ecc lo scopo è quello di migliorare il nostro aspetto, pulire, correggere, profumare e non può essere confuso come un trattamento per curare malattie


La pelle non è sempre solo mista, o grassa o secca ma può avere problematiche di vario genere, in questa spiegazione mi limiterò ad esporre l’aspetto generico


Pelle grassa
E’ un inestetismo generalmente adolescenziale dove la pelle ha un’esagerata produzione di sebo e il film idrolipidico è più ceroso ed ostacola la traspirazione favorendo processi infiammatori: acne, arrossamenti, dermati; quando il follicolo si ostruisce di sebo e di batteri si crea il famoso comedone che è costituito dal punto nero se aperto o bianco se chiuso, la pelle si presenta così detta “asfittica”. Lesioni più gravi possono crearsi se degenera la reazione infiammatoria formando papule causate dai batteri in questo caso si distingue la pelle “acneica” o “impura”

Pelle secca
La pelle secca è spesso carente di lipidi, è più sottile e fragile, spesso è sensibile e si osservano molte più rughe rispetto ad una pelle grassa ma può anche essere disidratata quindi carente di acqua e può presentare punti neri. E’ molto importante la protezione ai raggi solari ed ai fattori atmosferici (vento, freddo, troppo caldo), è importante una dieta con elevato apporto di vitamina A, applicazione di prodotti emollienti e idratanti.

Pelle sensibile
Un aspetto della pelle sensibile è costituito dalla comparsa di couperose. Le couperose sono spesso legate a predisposizioni verso una debolezza delle pareti vasali che provocano una condizione iper-reattiva, la pelle si presenta rosata; il trattamento cosmetico punta su formulazioni per pelli secche con ingredienti attivi che riducono le manifestazioni di rossore e pruriti . E’ importante intervenire in particolare sul rafforzamento delle pareti vasali quindi si può ricorrere a vasoprotettori

Pelle mista
Coesistono zone caratterizzate da pelle grassa e acneica ed altre zone più aride e secche, non essendo omogenea è facile trovare le zone naso, fronte e mento più lucide con punti neri e pori dilatati, mentre il contorno occhi e labbra si presenta più arido e fragile. La scelta del cosmetico si dirige essenzialmente sul trattamento di cui la pelle ha più carenza, generalmente su prodotti sebo normalizzanti.


PELLE MASCHILE
Si differenzia da quella femminile per maggior spessore e per abbondanza di fibre collagene ed elastiche; è più sviluppato il sistema pilifero e una produzione maggiore di sebo, i follicoli sono più dilatati e quindi più predisposti all'acne. La pelle maschile dal punto di vista fisiologico risulta più lubrificata e invecchia meno, anche se la pratica come la rasatura quotidiana e la riluttanza all'uso di prodotti cosmetici solari protettivi e idratanti con il tempo la danneggiano. Dal punto di vista dermocosmetico i prodotti contengono ingredienti come quelli tradizionali con un certo riguardo al tipo di pelle maschile, inoltre cambiano le proprietà sensoriali, le texture tendono ad essere più leggere e meno grasse.

PELLE INFANTILE
La pelle infantile differenzia da quella degli adulti in particolare per una questione morfofunzionale, l'epidermide e derma sono più sottili, il pH leggermente più alto (tra 6 e 7), minor contenuto di melanina, meno difese contro funghi e batteri, il film idrolipidico è poco sviluppato. In particolare va tenuto conto di alcune aree e zone come quella genitale più soggetta ad arrossamenti e dermatiti da pannolino. I prodotti a cui si rivolge la "paidocosmesi" è generalmente destinata a cosmetici per bagnetto, agli idratanti, alla protezione solare.




SEMPLICE TEST



Un test semplice per scoprire che tipo di pelle hai, ma prima di tutto seguire queste indicazioni:

-pulizia profonda della pelle con detergente e risciacquo, aspettare qualche minuto prima di intervenire con altri cosmetici
-cercare di evitare almeno in questo frattempo, fumo, alcol, caffe.


Passati minimo 15 minuti controllare ad uno specchio ben illuminato, tutte le zone del viso con molta attenzione…delicatamente toccatelo e massaggiatelo mentre osservate se e dove sono eventuali brufoli o zone lucide, poi muovete con dei versacci guance e fronte, provate a sentire la sensazione che percepite.

La pelle risulta normale se:
è liscia e levigata resta morbida dopo il lavaggio;
non notate zone lucide;
i pori sono normali e vedete pochi punti neri;
la pelle non “tira” quando fate i versacci.

Nonostante la cute non presenti problemi particolari, cercate di usare prodotti delicati e creme viso leggere per non stravolgere il film idrolipidico naturale, usare uno scrub leggero ogni 10 giorni.

La pelle risulta grassa se:
al tatto sentite la pelle leggermente unta ;
ha un aspetto lucido;
i pori sono dilatati e avete notato molti punti neri e foruncoli.

Trattare nel modo corretto la pelle grassa non significa seccarla, non bisogna esagerare con lavaggi aggressivi e saponi poco indicati che esportano anche i lipidi naturali creando effetti disastrosi al sebo cutaneo, bisogna orientarsi verso prodotti specifici e più naturali possibili per non alterare il pH della cute. Una volta a settimana si può sfruttare l’azione del vapore con oli essenziali disinfettanti come: Salvia, Tea Tree e Menta (purchè siano puri e biologici), la crema giorno meglio se leggera e delicata. Un nemico della pelle grassa (e non solo) è il fumo, sia attivo che passivo, perché aderendo agli strati epidermici superficiali la rende più unta ed oleosa.

La pelle risulta secca se:
ha un aspetto opaco e spento;
dopo la detersione la si sente “tirare”, prude leggermente e si squama facilmente;
ci sono pochi punti neri;
si vedono rughe sottili specialmente nel contorno occhi e intorno alla bocca;
si formano chiazze rosse in reazione al freddo, al caldo, allo stress o alcuni alimenti.

E’ una pelle che tende più facilmente a formare le rughe dovute ad una forma di disidratazione; è importante utilizzare mattino e sera un latte detergente delicato e il tonico, per liberare i pori e purificare la cute.
Successivamente una crema idratante, nutriente e rigenerante. Ogni 15 giorni sarebbe buona abitudine usare una maschera nutriente anche a base di oli adatti e argille

La pelle risulta mista se:
notate punti neri nella zona a T (mento, naso, fronte);
sulle guance la pelle “tira”;
spesso presenta couperose.

I trattamenti sono sebo-riequilibranti. La pelle non deve essere trattata con cosmetici troppo nutrienti o lavaggi troppo frequenti, è una pelle più suscettibile agli agenti atmosferici e cambi di stagione, questo comporta cambiamenti nell’uso dei prodotti secondo i periodo e le esigenze durante l’anno. Cercare prodotti sebo-normalizzanti ed idratanti evitando ingredienti che favoriscono l’insorgere di punti neri e comedoni.

La pelle risulta sensibile se:
percepite una pelle “tesa”;
il viso presenta macchie rosse, soprattutto nelle zone guance e zone più secche, al tatto la pelle risulta ruvida.

E’ una pelle che necessita di particolare attenzione, con prodotti specifici e studiati ad hoc con ingredienti lenitivi, emollienti, antisettici e rigeneranti (es: aloe, germe di grano, Vit.C ed E) e applicare generosamente creme viso idratanti.
Detergere con prodotti delicati e da risciacquo per evitare che restino a lungo sulla pelle ingredienti potenzialmente irritanti; controllare che non siano presenti profumazioni sintetiche e metalli allergizzanti.


Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire nei commenti link altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.