Pelle sensibile e couperose

il mio laboratorio

il mio laboratorio

luglio 2017

luglio 2017

lunedì 18 aprile 2016

Pelle sensibile e couperose

Quando la pelle è disidratata è particolarmente predisposta a reazioni e sinsibilizzazioni stimolate da fattori di diversa natura

clima
detersione
cosmetici inadatti
farmaci
allergeni

queste condizioni si possono manifestare con rossore, prurito, secchezza, couperose

Le Couperose

Le couperose sono spesso legate a predisposizioni verso una debolezza delle pareti vasali oltre che dai fattori di cui sopra che provocano una condizione iper-reattiva, il trattamento cosmetico punta su formulazioni per pelli secche con ingredienti attivi che riducono le manifestazioni di rossore e pruriti




Le sostanze funzionali devono avere un'attività disarrossante e lenitiva ed essere accompagnate da idratanti

Allantoina
Bisabololo
acido glicirretico
aloe, malva, altea

Idratanti:

Betaina anidra (trimetilglicina)
acido ialuronico
glicerina
sorbitolo

si dovrebbe inoltre inserire un complesso ricostituente per la funzione della barriera come oli e burri (enotera, borragine, karitè), ceramidi e squalano.
E' importante intervenire in particolare sul rafforzamento delle pareti vasali, si può ricorrere a vasoprotettori come la centella, rusco, ippocastano, vite rossa, ginco biloba
Le couperose inoltre, vanno trattate con ingredienti che regolano la permeabilità capillare, in quanto l'aumento di questa crea la formazione di edemi persistenti, alcuni tra i tanti derivati vegetali ad azione specifica sono i flavonoidi con estrazione dai semi dell'Ippocastano standardizzati in escina e nella corteccia,  aiutano a ridurre la permeabilità capillare; la frazione triterpenica della centella stimola la sintesi del collagene, ha un effetto cicatrizzante e riparatore dei tessuti, il rusco con la sua sostanza funzionale a base di saponine steroidee potenzia la circolazione e migliora l'elasticità dei tessuti

Vediamo alcuni di questi ingredienti un pò più da vicino.

Sostanze vasoprotettrici

Le saponine triterpeniche agiscono secondo un meccanismo detto vitamina P-simile, aumentano la resistenza delle pareti vasali favoriscono l'assorbimento degli edemi, riducono il ristagno dei liquidi intercellulari, l'azione è potenziata in sinergia con gli antiossidanti dei flavonoidi.
Tra i derivati vegetali alcuni sono costituiti da tutte queste caratteristiche

- L' estratto di Ippocastano che ho accennato sopra contiene anche saponine triterpeniche che oltre ad avere attività vasoprotettiva contiene composti flavonici, quercina, cumarine, tannini dalle proprietà astringenti

-L'edera (foglie e fiori) ricche di rutina, quercina e sali minerali

-La centella oltre alle caratterisctiche già elencate, modula lo sviluppo del tessuto connettivo alterato dalla cellulite migliorandone il trofismo

- il Rusco è tra i più potenti come vasocostrittore, contiene saponine steroliche (es ruscogenina) che incidono sulla muscolatura liscia aumentando il ritorno venoso e riducendo l'edema, impiegato nei trattamenti per gambe stanche
Altri derivati vegetali anticellulite sono ginseng che stimola e tonifica; l' amamelide che è costituita da un elevato contenuto di tannini è un ottimo astringente-vasocostrittrice; l'equiseto ricco di minerali (acido salicilico) flavonoidi, saponine, fitosteroli e tannini adatto contro le smagliature dovute sia della cellulite che da inestetismi dovuti al decadimento del sostegno nei tessuti.

Il microcircolo che è il più imputato in questo argomento, è influenzato da aspetti localizzati sia dalla vasocostrizione che dalla vasodilatazione, in questi casi si interviene con termorecettori, sulla tonificazione delle pareti capillari con sostanze che riscaldano e al contempo raffreddano la pelle

Riscaldanti:

- olio di peperoncino - oleoresina di capsico (molecola, capsicina), interviene sui termorecettori e la vasodilatazione

- nicotinati (molecola attiva, Metilnicotinato, niacinamide), stimola il microcircolo superficiale

Raffreddanti:

- Mentolo (a concentrazioni elevate induce calore)

- Mentidervati agisce sempre da termorecettore ma è più lento e prolungato nel tempo



Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire nei commenti link altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.